Prestito BancoPosta: finanziamento postale fino a 30.000€ per lavoratori, stranieri e pensionati

3
79

Prestito BancoPosta: analisi del prestito personale postale di Poste Italiane

Prestito BancoPosta è il prestito postale fino a 30.000 € a tasso fisso che Poste Italiane distribuisce presso gli uffici postali abilitati in virtù di un accordo con Deutsche Bank S.p.A. – Prestitempo, società finanziaria alla cui approvazione è soggetta la concessione del finanziamento stesso.

In questa scheda di analisi potete trovare informazioni dettagliate (per consultarle rapidamente cliccare in corrispondenza di ciascuna voce del menu sottostante) relative a:


Differentemente da quanto accade per l’altro prestito personale distribuito da Poste Italiane, ovvero Prontissimo BancoPosta, per ottenere Prestito BancoPosta occorre essere titolari di un conto corrente BancoPosta, con modalità che analizzeremo di seguito a seconda della professione svolta dal richiedente.
A tal proposito va subito sottolineato come questo prestito postale risulti essere richiedibile, oltre che da cittadini stranieri, anche da lavoratori atipici, categoria solitamente penalizzata nella possibilità di accedere al credito.

Poste Italiane garantisce tempi rapidi di erogazione sul conto BancoPosta del richiedente, una volta ottenuta l’approvazione da parte di Deutsche Bank – Prestitempo, comprensiva della documentazione necessaria e di eventuali garanzie accessorie.

Dal momento che si tratta di un prestito personale non è necessario presentare preventivi o documenti che giustifichino la spesa da sostenere con i soldi richiesti né presentare garanzie reali, come può essere un’ipoteca. Nei limiti dell’importo massimo erogato è quindi possibile affrontare qualsiasi spesa si voglia.

Risultano essere contenute anche le spese, che sono sempre zero per istruttoria della pratica, comunicazioni periodiche, incasso e gestione delle rate.

Di seguito analizziamo nel dettaglio le condizioni di Prestito BancoPosta, sottolineando che per il calcolo della rata e del preventivo personalizzati è necessario fare richiesta presso uno degli Uffici Postali abilitati al servizio e chiedere la compilazione di un modulo IEBCC (o SECCI), che contiene le informazioni europee di base sul credito ai consumatori, con indicazione dei tassi (TAN e TAEG) applicati e di tutte le spese e commissioni relative a questo finanziamento postale.


REQUISITI NECESSARI PER L’EROGAZIONE DEL PRESTITO

Prestito BancoPosta può essere richiesto da:

  • lavoratori dipendenti di aziende pubbliche e private
  • pensionati
  • lavoratori atipici
  • artigiani
  • commercianti
  • liberi professionisti

di nazionalità sia italiana che straniera, con residenza in Italia. Nel caso degli stranieri occorre che siano in regola con il permesso di soggiorno.
Occorre inoltre che i richiedenti risultino essere titolari di un Conto BancoPosta e che, nello specifico, i liberi professionisti devono risultare titolari di un conto corrente postale da almeno sei mesi.

Torna all’elenco ^

 

TASSI DI INTERESSE (T.A.N. e T.A.E.G.), IMPORTI E DURATA DEL PRESTITO

Prestito BancoPosta può essere richiesto per importi compresi tra 1.500 e 30.000 euro.

La durata del piano di ammortamento varia da un minimo di 12 (un anno) a un massimo di 84 mesi (7 anni). Trattandosi di un prestito postale a tasso fisso, ogni rata è di  importo costante e comprende una quota capitale e una quota interessi. Le rate vengono rimborsate il 27 di ogni mese, partendo da quello successivo all’erogazione. La prima rata è maggiorata dell’imposta di bollo e degli interessi di preammortamento.

Per quanto riguarda i tassi di interesse (TAN e TAEG) applicati, va specificato che sono diversi a seconda che le richieste siano inferiori o superiori a 10.000,00 euro.
In linea con quanto stabilito dalla riforma sul credito ai consumatori in vigore dal 1° Giugno 2011, possiamo riportare due esempi, tratti direttamente dal sito delle Poste Italiane.
Un prestito da 5.000,00 euro può essere rimborsato in 48 rate da 129,11 euro l’una, al TAN fisso 10,95% e TAEG 11,65%, per un importo totale da restituire di 6.231,07 euro.
Richiedendo un Prestito BancoPosta da 16.000,00 euro il rimborso può avvenire in 72 rate mensili da 296,01 euro, al TAN fisso 9,95% e TAEG 10,52%, per un importo totale da restituire da 21.414,63 euro.
In entrambi i casi la data di erogazione ipotizzata è il 13 Maggio 2013.

Per il calcolo di rata e preventivo personalizzati è necessario fare riferimento a uno degli uffici postali abilitati all’erogazione, il cui elenco può essere reperito direttamente sul sito Internet delle Poste Italiane, a partire dall’indirizzo http://www.poste.it.

Torna all’elenco ^

 

RIMBORSO, MODALITA’ E TEMPI DI EROGAZIONE DEL PRESTITO

L’erogazione dell’importo richiesto con Prestito BancoPosta è unica e consiste nell’accredito diretto sul conto corrente BancoPosta del richiedente. I soldi richiesti vengono versati in un’unica soluzione.

I tempi di erogazione sono piuttosto rapidi una volta ottenuta terminata l’istruttoria e ottenuta l’autorizzazione al finanziamento da parte di Deutsche Bank – Prestitempo.

Il rimborso delle rate mensili avviene con addebito diretto e automatico sul Conto BancoPosta del mutuatario, il giorno 27 di ogni mese.

Torna all’elenco ^

 

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER OTTENERE IL PRESTITO

Per l’erogazione di questo prestito postale il richiedente deve compilare un apposito modulo, disponibile presso uno degli uffici postali abilitati, e allegare quale documentazione:

  1. copia del documento d’identità
  2. copia della tessera sanitaria
  3. documentazione da cui risulti il reddito

I cittadini stranieri dovranno presentare anche una copia del permesso di soggiorno in corso di validità che, se dovesse essere scaduto, dovrà essere sostituito da una copia della richiesta di rinnovo.

Torna all’elenco ^

 

CALCOLO DI RATA E PREVENTIVO ON-LINE

Attualmente Poste Italiane non offre la possibilità di effettuare direttamente via Internet il calcolo della rata di Prestito BancoPosta. Per ottenere un preventivo personalizzato è perciò necessario recarsi presso un ufficio postale abilitato e richiedere la compilazione di un modulo IEBCC, che rappresenta un vero e proprio preventivo in linea con la riforma del credito al consumo.

Torna all’elenco ^

 

ULTERIORI GARANZIE DA FORNIRE

Deutsche Bank – Prestitempo, società finanziaria alla quale spetta la valutazione del merito creditizio del mutuatario e l’erogazione effettiva di questo prestito postale, potrebbe richiedere garanzie opzionali, ma mai di natura reale, come ad esempio un’ipoteca.

Torna all’elenco ^

 

POSSIBILITA’ DI OTTENERE UN ACCONTO

Non è possibile ottenere un acconto prima dell’erogazione effettiva dell’importo richiesto, che verrà accreditato in un’unica soluzione.

Torna all’elenco ^

 

ESTINZIONE ANTICIPATA DEL FINANZIAMENTO

Trascorsi i 10 giorni dalla data di erogazione del prestito durante i quali è possibile esercitare il diritto di recesso, è sempre possibile richiedere il rimborso anticipato, parziale o totale, di Prestito BancoPosta pagando una penale di estinzione anticipata. L’ammontare di questa penale corrisponde allo 0,5% dell’importo da rimborsare se la durata residua del piano di ammortamento è pari o inferiore a un anno, e all’1,00% in caso di durate maggiori.
Tale penale non deve essere pagata se l’importo rimborsato in anticipo coincide o è inferiore e 10.000,00 euro e rappresenta l’intero debito residuo, oppure se l’estinzione viene richiesta nei 6 mesi antecedenti la naturale scadenza del piano di rimborso o ancora se la si richiede contemporaneamente alla richiesta di un nuovo Prestito BancoPosta.

Torna all’elenco ^

 

ASSICURAZIONE SUL PRESTITO

Poste Italiane offre la possibilità di associare a questo prestito personale una copertura assicurativa a garanzia del rimborso del capitale residuo in caso si verifichino imprevisti quali la morte del richiedente o la sua invalidità totale permanente (superiore al 59%).
In considerazione della professione svolta dal mutuatario è possibile includere garanzie aggiuntive per ottenere il pagamento delle rate previste nel piano di ammortamento in caso di perdita del posto di lavoro, inabilità temporanea totale o malattia grave.
Il costo del premio assicurativo, distribuito sulle rate mensili, varia a seconda della durata del piano di rimborso e attualmente ammonta:

  • al 2,00% dell’importo erogato per durate fino a 60 mesi
  • al 3,65% dell’erogato in caso di durata superiore a 60 mesi

Torna all’elenco ^

 

ONERI, SPESE ACCESSORIE E COMMISSIONI

Le principali spese previste per questo prestito postale riguardano:

  • Imposta di bollo sul contratto: 14,62 euro per prestiti fino a 18 mesi / 0,25% dell’erogato per durate superiori
  • Interessi di preammortamento

Non si pagano spese per:

  • istruttoria della pratica
  • incasso e gestione delle rate
  • invio di comunicazioni periodiche

Torna all’elenco ^

 

ULTERIORI INFORMAZIONI UTILI SUI PRESTITI POSTALI

Per ottenere informazioni telefoniche su Prestito BancoPosta e sugli altri finanziamenti postali erogati è possibile chiamare il Call Center di Poste Italiane al numero verde 803.160, attivo con operatore dal lunedì al sabato e dalle 8:00 alle 20:00, ma anche il servizio BancoPostarisponde, chiamando il numero verde 800.003322 (o il +39 02.82443333 dall’estero), attivo negli stessi giorni e orari indicati prima.
Altri modi di ottenere informazioni sono quelli di compilare un apposito form on-line presente sul sito www.poste.it o scrivere una lettera all’indirizzo:

Casella Postale 160
00144 – Roma (RM)


Data dell’ultimo aggiornamento: Agosto 2013

ATTENZIONE: prima di richiedere il finanziamento analizzato si raccomanda di fare sempre riferimento al sito Internet ufficiale o agli Uffici Postali di Poste Italiane per verificare condizioni, TAN e TAEG applicati al momento della richiesta. La presente scheda di analisi fa infatti riferimento alla data dell’ultimo aggiornamento indicata in precedenza e comunque potrebbe contenere imprecisioni non volontarie.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

3 COMMENTS

  1. […] Poste Italiane e Deutsche Bank – Prestitempo ammettono la possibilità di richiedere l’estinzione anticipata, totale o parziale, di Prestito BancoPosta Famiglia, che deve avvenire pagando, oltre all’importo da estinguere, anche una penale di estinzione anticipata, il cui costo massimo è dell’1,00% della somma rimborsata. Tale indennizzo non è dovuto nel caso in cui l’estinzione sia totale e pari o inferiore a 10.000 euro, oppure se viene richiesta nei 6 mesi antecedenti la scadenza del contratto stipulato o in caso di richiesta di un nuovo Prestito BancoPosta. […]

Comments are closed.