Prestiti al Supermercato? Con Carrefour Banca e Auchan si Può

0
69

Prestiti al supermercato con Carrefour e Auchan

Chiedere un prestito al supermercato? In Italia si può grazie ai servizi offerti presso i supermercati dei gruppi Carrefour e Auchan.
In tempi di crisi e stretta sul credito come quelli che si stanno vivendo in Italia, ottenere l’erogazione di un prestito da parte delle banche tradizionali sta diventando sempre più difficile, come dimostrano gli impietosi dati su prestiti e finanziamenti bancari diffusi periodicamente dalla Banca d’Italia o contenuti in rilievi statistici di altri soggetti qualificati.


Ecco quindi che nel mercato del credito al consumo entrano in gioco altre società, che vanno ad affiancare finanziarie leader nel settore come Agos Ducato, Findomestic Banca e Compass, solo per citare le più importanti del panorama italiano.
La possibilità di richiedere un prestito al supermercato è diffusa da tempo soprattutto in Francia e Inghilterra. Data la vicinanza territoriale e la presenza massiccia di due colossi della grande distribuzione d’Oltralpe come Carrefour e Auchan, sono stati introdotti anche in Italia servizi finanziari offerti direttamente presso i punti vendita di queste due catene francesi, sia pur con modalità e prodotti differenti.

Carrefour infatti offre alla propria clientela la possibilità di richiedere prestiti personali e carte di credito grazie a Carrefour Banca, logo commerciale di Carrefour Banque, vero e proprio istituto di credito nato il 1° Ottobre 2011 dalla fusione per incorporazione di Carrefour Servizi Finanziari.
Le filiali di Carrefour Banca sono presenti presso molti ipermercati Carrefour, con sportelli che hanno gli stessi orari di apertura dei punti vendita, garantendo quindi la presenza con orario continuato dal lunedì al sabato e persino la domenica, perlomeno quando sono previste le aperture straordinarie. Entro la fine del 2012 le filiali di Carrefour Banca su territorio italiano dovrebbero raggiungere quota 30. In ogni caso è possibile trovare un elenco degli Ipermercati presso i quali sono attivi i servizi di finanziamento offerti a partire dal sito Internet http://www.carrefourbanca.it.
E’ possibile richiedere un prestito personale fino a 30.000 € a tasso fisso, rimborsabile secondo un piano di ammortamento che può arrivare fino a 120 mesi, durante i quali si pagheranno rate di importo costante con cadenza mensile. Per agevolare la restituzione del prestito, Carrefour Banca mette a disposizione alcune opzioni di flessibilità, sfruttabili decidendo di rimborsare le rate tramite addebito automatico su conto corrente  (RID). Così facendo è possibile decidere di aumentare l’importo della rate mensile e ridurre la durata del piano di rimborso.
Le richieste possono essere inoltrate da pensionati, lavoratori autonomi e lavoratori dipendenti, assunti con contratto a tempo indeterminato o determinato. Spetterà poi alla banca valutare in merito all’erogazione della somma richiesta.
Attraverso il prestito personale Carrefour Banca è possibile finanziare l’acquisto di vari beni e servizi, proprio come avviene rivolgendosi a una normale società finanziaria o banca. Trattandosi di un prestito personale è quindi possibile richiederlo per acquistare un’auto, una moto o mobili per la casa, ma anche per finanziare un viaggio, un soggiorno benessere, una cerimonia, un matrimonio e molto altro.


Carrefour Banca consente anche di richiedere due carte di credito: Carta PASS MasterCard e Carta PASS.
Carta PASS MasterCard è una carta di credito internazionale che consente di effettuare le normali operazioni di pagamento associate a una carta di credito del circuito MasterCard, con vantaggi esclusivi legati all’accumulo di Punti Spesamica, ai servizi PASS Carrefour e a buoni spesa di benvenuto.
E’ possibile decidere di rimborsare a saldo, quindi senza interessi, oppure a rate in modalità revolving, pagando interessi sui rimborsi rateali.
Si tratta di una carta offerta attualmente a zero spese mensili e senza costi relativi al canone annuale o alla carta familiare.
Carta PASS è invece una carta privativa di pagamento revolving, utilizzabile quindi solo presso i punti vendita del Gruppo Carrefour Italia. Sottoscrivendola è possibile accedere a vantaggi e sconti esclusivi.

I prestiti al supermercato proposti da Auchan sono possibili grazie al rapporto di partnership del gruppo con Oney S.p.A., società partecipata da Banque Accord SA, UniCredit Banca e Nectar, programma di raccolta punti attivo in oltre 6.000 punti vendita in Italia.
Negli ipermercati del Gruppo Auchan è possibile trovare un Punto Accord presso il quale per richiedere un prestito personale fino a 30.000 € o anche un finanziamento finalizzato.
E’ possibile anche richiedere una carta di credito, come la Carta Auchan – So Oney oppure una Carta Nectar.
Carta Nectar è una carta di credito che consente di accumulare 1 punto Nectar per ogni euro speso presso uno degli esercizi commerciali convenzionati con il circuito MasterCard. E’ possibile decidere di rimborsare le spese fatte a saldo oppure a rate. Sono consentite le normali operazioni previste per una carta di credito come i prelievi di contranti presso gli sportelli ATM italiani ed esteri o il pagamento di rifornimenti di carburante e pedaggi autostradali. Attualmente è previsto il pagamento di un canone annuale differente per la versione a saldo e quella rateale. La carta può essere richiesta on-line o anche telefonicamente.
L’utilizzo della Carta Auchan – So Oney permette di aggiungere punti Nectar a quelli raccolti con la carta fedeltà Nectar, cosicché la raccolta punti diventa ancora più rapida. Viene infatti assegnato 1 punto Nectar per ogni euro speso in qualsiasi negozio aderente al circuito MasterCard. Anche in questo caso si può optare per la versione a saldo o a rate, con canoni annuali differenti. Carta Auchan – So Oney può essere richiesta on-line e via telefono.

Carrefour e Auchan offrono quindi servizi di finanziamento completi e vantaggiosi, rivolti al credito al consumo e sempre più alternativi ai finanziamenti bancari, soprattutto considerando la stretta sul credito che gran parte degli istituti di credito italiani ha in atto.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA