Consolidamento Debiti in Crescita: la Crisi Spinge le Richieste

0
42

Prestiti per consolidamento dei debiti
In tempi di crisi come quelli attuali, il consolidamento debiti sta diventando una pratica sempre più diffusa fra coloro che richiedono un finanziamento o meglio, fra i consumatori che ne hanno richiesto uno o più prestiti in precedenza e si trovano nella necessità di indebitarsi ulteriormente per saldare altri debiti, situazione paradossale ma attuale.

Il consolidamento debiti consiste infatti nella possibilità di accorpare le rate dei finanziamenti in corso in un’unica rata mensile, solitamente più leggera rispetto alla somma dei singoli importi mensili, grazie a piani di ammortamento di durata superiore.
I vantaggi connessi alla possibilità di accorpamento delle rate sono indiscutibili e possono essere riassunti in:

  • un solo soggetto creditore cui rapportarsi
  • una sola rata mensile della quale ricordarsi il pagamento
  • eventuali spese di incasso e gestione delle pratica ridotte
  • maggior durata del piano di ammortamento
  • tassi di interesse (TAN e TAEG) più vantaggiosi
  • estinzione anticipata dei vari prestiti in corso, con conseguente risparmio di spese varie ad essi connesse

Spesso, oltre a estinguere i debiti in corso presso banche o società finanziarie, presentando domanda per un prestito di consolidamento è possibile ottenere liquidità aggiuntiva.
Oltre ai prestiti per consolidamento è possibile richiedere anche mutui per consolidamento, soprattutto se i debiti da accorpare sono consistenti. La differenza fondamentale è che il prestito non richiede, di norma, garanzie reali, mentre un mutuo viene erogato solo in presenza di una garanzia reale, come può essere un immobile sul quale verrà accesa un’ipoteca.

Secondo un’indagine condotta da SuperMoney.it, portale web che consente di confrontare mutui, prestiti, assicurazioni auto, conti correnti, carte di credito, conti deposito, tariffe energetiche e telefoniche con la massima trasparenza, nel primo trimestre 2012 le richieste per prestiti finalizzati al consolidamento debiti sono cresciute più del doppio rispetto agli ultimi 3 mesi del 2011, per la precisione l’aumento è stato del 241,9%. Il dato è ancora più impressionante se si considera che, nello stesso periodo, le domande di finanziamenti per beni durevoli sono calate del 40,9%, mentre le richieste per beni e servizi considerati non indispensabili sono risultate in flessione del 42,1%.
L’inchiesta di SuperMoney.it evidenzia anche il fatto che l’importo medio richiesto per consolidamento debiti è di molto superiore rispetto a quello dei prestiti personali in genere: ad Aprile 2012 la cifra si è attestata rispettivamente a 27.112 € e 17.383 €.
Anche le richieste di prestiti per liquidità sono aumentate nei primi 3 mesi del 2012, registrando un’impennata del 196,7% rispetto all’ultimo trimestre 2011
Potete consultare i dati completi dell’analisi dell’Osservatorio SuperMoney qui.

Banche e finanziarie presentano di solito almeno un’offerta di prestito per consolidamento debiti. Fra le varie presenti sul mercato italiano segnaliamo quelle proposte da UniCredit, Agos Ducato e IBL Banca.


CreditExpress Compact di UniCredit consente di estinguere i prestiti in corso e di richiedere eventuale liquidità aggiuntiva, mettendo a disposizione fino a 50.000 €, con durate del piano di ammortamento comprese tra un minimo di 36 e un massimo di 84 mesi per importi fino a 30.000 € euro, e da 36 a 120 mesi per importi da 31.000 € a 50.000 €. L’estinzione avviene con bonifico automatico a favore delle banche o finanziarie presso le quali si hanno in corso i prestiti, e con accredito diretto sul conto corrente UniCredit del richiedente per l’eventuale importo aggiuntivo richiesto. Il tasso (TAN) resta fisso per tutta la durata del contratto.
Anche con il Prestito per Consolidamento Debiti di Agos Ducato è possibile richiedere una somma aggiuntiva, oltre all’accorpamento degli altri prestiti in corso. E’ possibile arrivare a una durata massima del rimborso di 120 mesi, grazie alla quale ridurre l’importo mensile dell’unica rata da rimborsare. Inoltre, decidendo di pagare le rate mensili tramite RID, si possono sfruttare le opzioni di flessibilità tipiche dei prestiti personali Agos Ducato, grazie alle quali si può posticipare il pagamento di una rata all’anno, modificare l’importo delle rate stesse ed estinguere in anticipo il finanziamento senza pagare penali.
Saldarate IBL è invece il prestito consolidamento tramite cessione del quinto di IBL Banca, istituto di credito molto noto per i finanziamenti con “rata bassotta”. Anche in questo caso viene data la possibilità di richiedere liquidità aggiuntiva e, particolare da non sottovalutare, vengono valutate anche le richieste di chi ha avuto disguidi bancari precedenti. Il piano di ammortamento può arrivare fino a 120 mesi, durante i quali si restituiranno rate di importo costante a tasso (TAN) fisso. IBL Banca, se consentito, offre anche il servizio gratuito di estinzione di finanziamenti precedenti.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA