Confronto cessione del quinto per pensionati INPS: scopri la miglior proposta per finanziamenti garantiti dalla pensione

0
19

Confronto Cessioni del Quinto della Pensione INPS

Pensionati INPS in cerca di un prestito personale per soddisfare un’esigenza di spesa propria o a favore di figli o nipoti? Se questo è quello che state cercando, allora la cessione del quinto della pensione può essere la soluzione migliore, soprattutto perché molte banche e finanziarie offrono condizioni particolarmente vantaggiose per i pensionati dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, grazie alle convenzioni che hanno stipulato con esso.

Quello che proponiamo di seguito è un confronto tra quattro offerte da parte di primarie società finanziarie e banche, garanzia di serietà e affidabilità, vale a dire:

Si tratta di prodotti per il credito ai consumatori destinati esclusivamente ai pensionati INPS, che potranno godere di agevolazioni legate ai tassi applicati, sensibilmente inferiori rispetto ai prestiti contro cessione del quinto destinati ad altri soggetti, spesso con le normali spese legate a un finanziamento che risultano essere più basse – se non addirittura nulle – in confronto a quelle da pagare di solito.
Oltre a ciò ricordiamo altri due vantaggi connessi a tutte le cessioni del quinto e che riguardano il fatto che le rate mensili del rimborso, il cui importo non potrà mai superare 1/5 della pensione netta mensile, vengono trattenute direttamente sul cedolino della pensione e che il richiedente (e i suoi eredi) è tutelato contro il rischio di morte che avvenga in anticipo rispetto alla restituzione totale del credito, essendo obbligatoria la sottoscrizione di una polizza assicurativa sulla vita.
Purtroppo non è stato possibile effettuare il calcolo della rata online, data la particolarità del finanziamento con cessione del quinto, le cui variabili sono legate sia al 1/5 di pensione effettivamente cedibile che ad altri fattori, quali età del richiedente e durata del piano di ammortamento.
In tutti i casi, comunque, è possibile ottenere un preventivo, gratuito e senza impegno, recandosi presso le filiali degli istituti eroganti, magari fissando preventivamente un appuntamento attraverso appositi moduli presenti sui rispettivi siti Internet, dei quali indicheremo l’indirizzo analizzando i vari prestiti personali garantiti messi a confronto di seguito. In filiale gli incaricati potranno compilare un modulo SECCI personalizzato, contenente le informazioni sul credito conformi alle direttive europee, secondo le disposizioni che hanno riformato il credito ai consumatori, entrate in vigore dal 1° Giugno 2011.



CESSIONE DEL QUINTO SPECIALE INPS DI COMPASS

Compass S.p.A., società finanziaria del Gruppo Mediobanca, offre il prestito Quinto Speciale INPS, rivolto a tutti i pensionati dell’ente pensionistico nazionale italiano titolari di pensione di:

  • anzianità
  • inabilità
  • reversibilità (corrisposta a un solo titolare)

con età al massimo di 80 anni al termine della durata prevista nel piano di ammortamento e sempre che il trattamento pensionistico mensile superi i 461,00 euro al netto della quota cedibile.
I vantaggi connessi alla convenzione tra Compass S.p.A. e INPS riguardano il fatto che non ci sono spese per l’intermediazione da sostenere e che i tassi applicati risultano essere convenienti in rapporto ai normali prestiti personali.
Infatti, al momento di compilare questa scheda di confronto, per cifre richieste superiori a 5.000,00 euro Compass applica un TEG del 6,80%, mentre per importi superiori a 5.000,00 euro il TEG applicato è del 7,70%. L’indicatore del Tasso Effettivo Globale include tutti gli oneri connessi al finanziamento, ad esclusione di quelli erariali.
Le somme richieste con questa cessione del quinto, i cui importi massimi e minimi sono determinati in funzione della quota cedibile di pensione INPS, vengono erogate tramite assegno o bonifico bancario.
La restituzione può avvenire in un periodo di tempo compreso tra 24 mesi (2 anni) e 120 mesi (10 anni).
I documenti richiesti sono in fase di istruttoria includono:

  1. documento di identità in corso di validità
  2. codice fiscale
  3. cedolino della pensione

La Cessione del Quinto INPS di Compass S.p.A. può essere richiesta anche da soggetti con altri prestiti personali in corso o che abbiano difficoltà nell’accedere ad altre forme di finanziamento.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito Internet http://www.compassonline.it .

Torna all’elenco ^


CESSIONE DEL QUINTO PER PENSIONATI INPS DI SOLUZIO QUINTO

Soluzio Quinto Finanziaria S.p.A., società controllata da Agos Ducato S.p.A. e specializzata in finanziamenti contro cessione del quinto, offre un prestito personale garantito ai pensionati INPS che ne facciano richiesta a condizioni agevolate, grazie alla convenzione stipulata con l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Le richieste possono essere avanzate da soggetti titolari di pensione di:

  • anzianità
  • invalidità
  • reversibilità

che abbiano meno di 90 anni, anche in presenza di pignoramenti o altri prestiti in corso.
Le somme erogate possono arrivare fino a un massimo di 90.000,00 euro, da rimborsare secondo un piano di ammortamento la cui durata varia da 24 mesi (2 anni) a 120 mesi (10 anni).
Questo prestito garantito a firma singola presenta tassi vantaggiosi, dal momento che Soluzio Quinto applica un TAN massimo fisso del 6,58% e TAEG max del 16,88% per richieste superiori a 5.000,00 euro, e un TAN massimo fisso del 7,44% e TAEG max del 21,33% per cifre inferiori a 5.000,00 euro.
E’ possibile ottenere un anticipo sul prestito prima dell’erogazione effettiva e il pensionato richiedente non verrà in alcun caso segnalato a banche dati o centrali di rischi, vedendo così tutelato appieno il proprio diritto alla privacy.

Torna all’elenco ^


SUPERQUINTO INPS DI UNICREDIT

UniCredit S.p.A., attraverso le filiali del gruppo bancario (UniCredit Banca di Roma, Banco di Sicilia e UniCredit Banca), offre il prestito SuperQuinto INPS, destinato a tutti i titolari di pensione dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale con età massima di 80 anni al termine del piano di rimborso, ma non ai soggetti che percepiscono:

  • pensioni e assegni sociali
  • trattamenti di invalidità civile
  • assegno mensile per l’assistenza ai pensionati per inabilità
  • assegni di sostegno al reddito
  • pensioni a carico degli enti creditizi
  • assegni al nucleo familiare

Ad esclusione dell’acquisto di immobili e terreni, delle spese connesse a lavori di ristrutturazione di prima e seconda casa e relative pertinenze e di operazioni speculative, non ci sono limiti alle finalità per le quali può essere richiesta questa cessione del quinto della pensione.
Con SuperQuinto INPS si possono ottenere fino a 52.000,00 euro, da rimborsare secondo un piano di ammortamento la cui durata varia da 2 anni (24 mesi) a 10 anni (120 mesi).
I documenti da presentare per la richiesta sono minimi e includono:

  1. documentazione anagrafica in corso di validità
  2. documentazione relativa al reddito del richiedente, comprendente il modello Obis M e l’ultimo CUD completo disponibile

L’erogazione avviene attraverso assegno circolare o accredito sul conto corrente del pensionato richiedente.
Per quanto riguarda i tassi applicati, possiamo riportare un esempio in linea con le nuove norme sul credito ai consumatori, entrate in vigore dal 1° Giugno 2011. Richiedendo 15.000,00 euro, con SuperQuinto INPS è possibile rimborsarli in 120 rate da 185,82 euro l’una al tasso (TAN) del 5% e TAEG dell’8,74%, per un importo totale dovuto dal pensionato di 22.299,0 euro, comprensivo cioè di tutte le spese, incluse quelle delle imposte statali e dell’assicurazione sulla vita.

Torna all’elenco ^

PRESTITO PENSIONATI DI BANCA INTESA SANPAOLO

Banca Intesa SanPaolo S.p.A. mette a disposizione Prestito Pensionati per i titolari di pensione INPS, ad esclusione dei soggetti che percepiscono:

  • pensioni e assegni sociali
  • trattamenti di invalidità civile
  • assegno mensile per l’assistenza ai pensionati per inabilità
  • assegni di sostegno al reddito (categorie VOCRED, VOCOOP e VOESO)
  • pensioni ai superstiti se cointestate a più titolari
  • pensioni cointestate a più titolari
  • pensioni a carico di enti creditizi (categorie VOBANC, IOBANC e SOBANC)

L’età massima del pensionato deve essere di 78 anni non compiuti al momento della richiesta e di 80 anni alla scadenza del piano di ammortamento. Inoltre è necessario che il trattamento pensionistico del richiedente non sia gravato di altre cessioni del quinto in corso.
Le somme richiedibili vanno da un minimo di 4.800,00 euro a massimo di 52.000,00 euro, inclusive di tutti gli oneri connessi.
Il rimborso può avvenire in un periodo compreso tra i 24 mesi (2 anni) e i 120 mesi (10 anni), con rate mensili da 100,00 euro minimo.
L’erogazione dell’importo richiesto avviene attraverso bonifico su conto corrente del pensionato, che non necessariamente deve essere cliente di Banca Intesa SanPaolo.
Prestito Pensionati non prevede il pagamento di alcuna spesa di istruttoria.
Per quanto riguarda i tassi, possiamo riportare un esempio relativo alla richiesta di una cessione del quinto della pensione da parte di un uomo di 60 anni che percepisca una pensione netta di 2.000,00 euro al mese e restituisca un importo totale del credito di 16.769,03 euro in 48 rate da 400,00 euro l’una, determinando un importo totale dovuto di 19.200,00 euro. Il TAN fisso applicato risulta essere del 6,80%, mentre il TAEG 7,83%. Ricordiamo che tali valori si riferiscono alla data di pubblicazione di questa scheda di confronto.
La documentazione richiesta da Banca Intesa SanPaolo per l’erogazione è:

  1. documento d’identità in corso di validità
  2. codice fiscale
  3. certificato di pensione Obis M

La comunicazione di quota cedibile sarà richiesta direttamente dalla banca alla sede provinciale dell’INPS di competenza.


Data dell’ultimo aggiornamento: 26 Luglio 2011

ATTENZIONE: prima di richiedere il finanziamento analizzato si raccomanda di fare sempre riferimento al sito Internet ufficiale dell’INPS per verificare condizioni, TAN e TAEG applicati al momento della richiesta. La presente scheda di analisi fa infatti riferimento alla data dell’ultimo aggiornamento indicata in precedenza.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA